Bottiglie d’acqua contaminate: il nuovo killer dal 2004

L’evento dell’acqua contaminata, si sta espandendo a macchia d’olio.

Anche a Torino è stato registrato un primo caso.

Difatti dalle analisi risultano positive, per la presenza di sostanze inquinanti estranee, tali da rendere l’acqua un pericolo pubblico. Il fatto è capitato a una bottiglietta da mezzo litro, prelevata da un distributore automatico.

Per fortuna, grazie al senso olfattivo, l’acqua non è stata ingerita, poiché è stato avvertito un odore strano, a questo punto è scattato l’allarme. In questa occasione è stato notato un foro provocato sul tappo.

Sembra che altre bottigliette sono state inviate all’istituto di analisi per un controllo. Purtroppo per i tempi che corrono poiché la società è allo sballo.

Se riflettiamo bene, queste contaminazioni succedono sempre per colpa dell’uomo, avido, scorretto, che imbroglia, froda e vuole accaparrarsi sempre più soldi e potere, a danno di altri. Spesso assistiamo a eventi come nei matrimoni, e nelle asilo, casi di cibi avariati o contaminati. In altre occasioni vediamo negozi che vendono prodotti scaduti o che stanno per scadere, sciolti, senza la confezione originale ove è depositata la scadenza.

E ancora materiale vecchio riciclato, ripulito, etichettato e messo di nuovo in commercio come ad esempio i vestiti. L’uomo ne fa e ne pensa di tutti i colori.

Purtroppo dobbiamo difenderci e stare tutti molto attenti. Prima di bere una nuova bevanda, verificate se la bottiglia cola o è forata, odoratela, fate una assaggio e se non chiedete aiuto allora significa che è tutto in regola. Purtroppo è cosi…

Queste notizia venivano scritte nel 2004 dal Giornalista BornLaueiGin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello